Vela

Il Decreto Legislativo 21 aprile 2016, n. 72 introduce nel nostro Testo Unico Bancario il seguente articolo:
Art. 120-quaterdecies (finanziamenti denominati in valuta estera).
1. Se il credito è denominato in una valuta estera (valuta diversa da quella in cui, al momento della conclusione del contratto, il consumatore percepisce il proprio reddito o detiene le attività con le quali dovrà rimborsare il finanziamento ovvero una valuta diversa da quella avente corso legale nello Stato membro dell’Unione europea in cui il consumatore ha la residenza al momento della conclusione del contratto) il consumatore ha il diritto di convertire in qualsiasi momento la valuta in cui è denominato il contratto in una delle seguenti valute:

  • la valuta in cui è denominata la parte principale del suo reddito o in cui egli detiene le attività con le quali dovrà rimborsare il finanziamento, come indicato al momento della più recente valutazione del merito creditizio condotta in relazione al contratto di credito;
  • la valuta avente corso legale nello Stato membro dell’Unione europea in cui il consumatore aveva la residenza al momento della conclusione del contratto o ha la residenza al momento della richiesta di conversione.
Linea Blu

2. Il CICR, su proposta della Banca d’Italia, può stabilire condizioni per il diritto alla conversione, con particolare riguardo a:

  • la variazione minima del tasso di cambio che deve aver avuto luogo rispetto al momento della conclusione del contratto, comunque non superiore rispetto a quella indicata al comma 4;
  • il compenso onnicomprensivo che il consumatore può essere tenuto a corrispondere al finanziatore in base al contratto.

3. Salvo che non sia diversamente previsto nel contratto, il tasso di cambio al quale avviene la conversione è pari al tasso rilevato dalla Banca Centrale Europea nel giorno in cui è stata presentata la domanda di conversione.

4. Se il valore dell’importo totale del credito o delle rate residue varia di oltre il 20 per cento rispetto a quello che risulterebbe applicando il tasso di cambio tra la valuta in cui è denominato il finanziamento e l’euro al momento in cui è stato concluso il contratto di credito, il cliente, informato dalla banca, ha il diritto di chiedere di convertire il finanziamento nella sua valuta. In questa maniera, egli smetterà di correre il rischio di cambio.

Calcolatore Mutuo

Puoi calcolare il tuo mutuo online per ottenere un’idea dei tuoi rimborsi mensili su prima e seconda casa sia come privato che come impresa

Leggi Tutto

Tassi mutuo in Italia

Tutte le informazioni inerenti i tassi di un mutuo italiano; imposta sostitutiva, istruttoria bancaria, costi di mediazione etc.

Leggi Tutto

Preventivo Mutuo

Puoi richiedere un preventivo senza impegno e ti daremo la nostra consulenza per aprire il tuo mutuo in Italia

Leggi Tutto

ECCO UNO STRUMENTO PER CALCOLARE LE IMPOSTE SULL'ACQUISTO DI UNA CASA

Inserisci prezzo d'acquisto: €



Imposte di Acquisto
IMPOSTA DI REGISTRO
IMPOSTA IPOTECARIA
IMPOSTA CATASTALE
IVA
TOTALE IMPOSTE
Inserisci valore catastale: €



Imposte di Acquisto
IMPOSTA DI REGISTRO
IMPOSTA IPOTECARIA
IMPOSTA CATASTALE
TOTALE IMPOSTE
Inserisci valore catastale: €



Imposte di Acquisto
IMPOSTA DI REGISTRO
IMPOSTA IPOTECARIA
IMPOSTA CATASTALE
TOTALE IMPOSTE
 
Inserisci prezzo d'acquisto: €



Imposte di Acquisto
IMPOSTA DI REGISTRO
IMPOSTA IPOTECARIA
IMPOSTA CATASTALE
IVA
TOTALE IMPOSTE